Benvenuto
Benvenuto nel sito dal Soprintendente Cristina Acidini

>> Per saperne di più
Contatti
Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze

Indirizzo: Via della Ninna, 5 50122, Firenze

Centralino: +39 055 23885

Fax: +39 055 2388699

>> Contattaci

Presentazione del restauro della Crocifissione di Vasari


20-04-2012 | 20-04-2012

Venerdì 20 aprile alle ore 18.00, a seguito del restauro, realizzato grazie al contributo della Fondazione Ente Cassa di Risparmio di Firenze e del Polo Museale fiorentino, verrà presentata la pala raffigurante la Crocifissione con la Madonna, san Giovanni evangelista e santa Maria Maddalena di Giorgio Vasari ricollocata nel suo altare originario nella chiesa di Santa Maria del Carmine a Firenze.

Si tratta di un’opera realizzata da Giorgio Vasari nel 1560, come lui stesso cita nei Ricordi n.267 (… una tavola di mia mano nella cappella di Matteo, e di Simone Botti miei amicissimi) per la cappella Botti nella chiesa fiorentina di santa Maria del Carmine, dove tuttora si conserva. Il dipinto, un olio su tavola, era corredato di una predella, oggi perduta, raffigurante La Natività. Il patronato della famiglia Botti sulla cappella durò fino al 1619, quando il marchese Matteo di Giovanni Battista Botti, senza successori, nominò erede universale il granduca di Toscana Cosimo II. Nell’ambito dei progetti di rinnovamento chiesastico promosso dal Vasari in molte chiese fiorentine, fu proprio questo altare a fare da prototipo, con un disegno di mano dell’artista stesso, alla serie di altari che saranno successivamente addossati alle pareti della navata unica della chiesa del Carmine. Nel 1771 un violento incendio distrusse buona parte della chiesa e degli arredi; la tavola raffigurante La Crocifissione, insieme ad altre tre furono salve perché trasferite all’interno della sacrestia durante i lavori di rinnovamento del soffitto su progetto dell’architetto Zanobi del Rosso.

Il dipinto è un precoce esempio di pittura controriformata, evidente nella composizione che accentua il tono pietistico e trasmette il senso del dolore profondo attraverso le espressioni e le attitudini dei santi che vivono il dramma della Crocifissione, a conferma di come il Vasari fosse attento nel recepire le nuove istanze espresse dalla chiesa per contrastare la tempesta del protestantesimo che stava travolgendo tutta l’Europa.

20 aprile ore 18.00
Chiesa del Carmine
Piazza del Carmine, 14, 1