Benvenuto
Benvenuto nel sito dal Soprintendente Cristina Acidini

>> Per saperne di più
Contatti
Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze

Indirizzo: Via della Ninna, 5 50122, Firenze

Centralino: +39 055 23885

Fax: +39 055 2388699

>> Contattaci



Vuoi contribuire all diffusione della conoscenza dei tesori d'arte di Firenze?
Metti qui il tuo link

>> Vai alla pagina Sponsor


Boccaccio a Palazzo Davanzati


17-04-2013 | 25-05-2013

Il Museo di Palazzo Davanzati di Firenze omaggerà Giovanni Boccaccio in occasione del settimo centenario della sua nascita. Per sei sabati consecutivi, alle 11.30 nei locali del museo (cortile e salone madornale) si terranno altrettanti appuntamenti di poesia e musica che vedranno protagonisti l’Ensemble Musica Ricercata e gli attori del Teatro Oranona di Certaldo.
Gli appuntamenti sono programmati il 20 e 27 aprile, il 4, l’11, il 18 e il 25 maggio; l’ingresso è con il regolare biglietto del museo, fino ad esaurimento posti disponibili

Si tratterà di sei letture-concerti dedicati al grande autore toscano: per la parte musicale, ogni sabato sarà eseguito un repertorio diverso dal soprano Giulia Peri, dal controtenore Stephen Woodbury e da Michael Stüve alla viella (strumento a corda d’epoca mediavale). In particolare saranno eseguite musiche del secolo XIV su rime del Boccaccio di Lorenzo da Firenze e Niccolò da Perugia, musica da ballo del secolo XV proveniente dal Manoscritto London British Museum 29987 e madrigali del sec. XVI di Jacques Arcadelt, Giulio Fiesco e Girolamo Scotto sulle canzoni a conclusione delle Giornate del Decameron.
Ogni esecuzione sarà preceduta dalla lettura del testo poetico da parte degli attori del Teatro Oranona di Certaldo, sotto la direzione di Carlo Romiti. Inoltre, in ogni appuntamento verrà letta una novella diversa tratta dal Decameron. Gli attori sarano Cristiana Guerrieri (20 aprile), Lucia Succi (27 aprile), Marco Lazzerini (4 e 11 maggio), Martina Dani (18 maggio), Giovanni Pruneti (25 maggio).