Salve, Polo e-news.
Benvenuto in Polo e-news, la newsletter ufficiale del Polo Museale Fiorentino




A cura
di Marco Ferri
e Marco Fossi



Polo e-news | Numero 3 del 1° aprile 2012

HOME POLO MUSEALE MUSEI DEL POLO MOSTRE IN CORSO

IL GIAPPONE INCANTA FIRENZE

Dal 3 aprile al 1° luglio Palazzo Pitti celebrerà il Giappone, la sua arte, la sua cultura e le sue tradizioni ospitando nelle sale più rappresentative dei suoi musei tre mostre raccolte sotto l'epigrafe Giappone. Terra di incanti. L'evento espositivo sarà articolato in tre distinte mostre ognuna delle quali sarà ospitata nei diversi musei del Palazzo. Il Museo degli Argenti ospiterà la mostra Di linea e di colore. Il Giappone, le sue arti e l'incontro con l'Occidente dedicata all'arte antica del Giappone, collocabile in un arco cronologico che va dalla metà del Cinquecento alla metà dell'Ottocento; qui si ripercorrerà l'evoluzione di trecento anni di arte giapponese attraverso opere di qualità eccellente. La Galleria Palatina ospiterà in Sala Bianca l'eccellenza dell'arte Giapponese del Novecento nella mostra L'eleganza della memoria. Echi della tradizione nelle arti del Giappone del Novecento. Saranno tutte opere che hanno preso parte alla "Mostra delle Arti Tradizionali Giapponesi" (Nihon dentō kōgei ten) che dal 1954 si tiene ogni anno in Giappone con la cura del National Museum of Modern Art di Tokyo e del l National Museum of Modern Art di Kyoto per la scelta e valorizzazione delle opere che partecipano all'evento. La Galleria d'arte moderna nella Sala del Fiorino accoglierà la Sezione della mostre dedicate al Japonisme o Giapponismo in Italia dal titolo Giapponismo. Suggestioni d'Oriente tra Macchiaioli e anni Trenta del Novecento. I Riflessi del Sol Levante come mai si erano visti finora. Un nucleo di opere realizzate tra gli anni Settanta dell'Ottocento e i Quaranta del Novecento da protagonisti assoluti dell'arte italiana, come Giovanni Fattori, Telemaco Signorini, Giuseppe De Nittis e Mariano Fortuny, solo per citarne alcuni, nelle quali si avverte netta l'influenza dell'arte giapponese. Approfondisci 




LA SETTIMANA DELLA CULTURA



Anche quest’anno, per promuovere e valorizzare il Patrimonio culturale italiano, il Ministero per i beni e le attività culturali apre gratuitamente le porte di musei, ville, monumenti, aree archeologiche, archivi e biblioteche statali, per nove giorni, dal 14 al 22 aprile su tutto il territorio nazionale. La "Settimana della Cultura", divenuta, ormai, una grande festa collettiva offre un ricco calendario di appuntamenti: mostre, convegni, aperture straordinarie, laboratori didattici, visite guidate e concerti, che renderanno ancora più speciale l’esperienza di tutti i visitatori. Lo scopo fondamentale di questa iniziativa è quello di trasmettere l’amore per l’arte e favorire nuove esperienze culturali attraverso la conoscenza dell’immenso patrimonio italiano, grazie anche al coinvolgimento di altre Istituzioni pubbliche e private, per una partecipazione estesa e capillare su tutto il territorio. Il tema conduttore di questa edizione è “La cultura è di tutti: partecipa anche tu”  che viene ripetuto ormai da qualche anno per sottolineare l’universalità del nostro patrimonio, unico e inimitabile, che il MiBAC mette a disposizione di ciascun cittadino, proprio per favorire una maggiore conoscenza e per abituare i cittadini a frequentare assiduamente i luoghi d’arte, passaggio necessario per un’autentica crescita civile, sociale e culturale della nazione. Approfondisci.


PASQUA E PASQUETTA: LE APERTURE DEI MUSEI



In occasione delle festività pasquali, le aperture dei musei statali fiorentini saranno le seguenti: la Domenica di Pasqua tutti i musei osserveranno l’orario ordinario di apertura, ovvero saranno visitabili la Galleria degli Uffizi (dove è attualmente in corso la bella mostra dedicata agli arazzi), la Galleria dell’Accademia, la Galleria Palatina, il Museo di San Marco, il Museo del Bargello, il Museo degli Argenti e il Giardino di Boboli, la ville medicee, i cenacoli di Andrea del Sarto e di Sant’Apollonia; il giorno di Pasquetta saranno aperti la Galleria degli Uffizi, la Galleria dell’Accademia, le Cappelle Medicee, il complesso monumentale di Orsanmichele, il Giardino di Boboli, il Museo di Palazzo Davanzat, il Cenacolo del Ghirlandaio, il Chiostro dello Scalzo e le ville medicee di Castello, Petraia, di Poggio a Caiano e di Cerreto Guidi.  


FAMIGLIE AL MUSEO



Proseguono gli appuntamenti dii Famiglie al museo, incontri esclusivamente su prenotazione - gratuita e offerta da Firenze Musei- rivolti a bambini e ragazzi da 7 a 14 anni accompagnati dai genitori. Il programma prevede: sabato 7 aprile alle 10.30 l’incontro alla Chiesa e Museo di Orsanmichele dal titolo “Le arti e i loro santi protettori. A seguire, sabato 14 aprile, sempre alle 10.30, a Palazzo Davanzati appuntamento con “Il gioco del civettino specchio della vita quotidiana del Medioevo. Da segnalare che, sempre a Palazzo Davanzati il 4 aprile si conclude il programma degli appuntamenti del mercoledì con il concerto dell'arpista Elena Meozzi (dell'Orchestra da Camera fiorentina) che alle 16 si esibirà con musiche del Settecento/Ottocento di Giovan Battista Pescetti e Alphonse Hasselmans. Approfondisci.


A CASA MARTELLI SI PARLA DI LIBRI



Nell'ambito dei "Giovedì di Casa Martelli" (in via Zannetti 8), il 12 aprile alle 17, il direttore della Biblioteca degli Uffizi, Claudio Di Benedetto, parlerà sul tema "La via di Damasco: pagine di epifanie e folgorazioni". Per un pomeriggio nelle sale del museo rivive la vocazione di salotto letterario per far risuonare spttp le proprie volte una conversazione a più voci su libri, letture e lettori; l'ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti. L'incontro fa da apripista all'importante appuntamento che si terrà, sempre nelle stanze del Museo di casa Martelli, sabato 14 aprile dalle 10 in poi. Si tratta del convegno dal titolo "Collezionisti e librai a Firenze: ricordi degli ultimi venti anni". Dopo l'introduzione dello stesso Di Benedetto, seguiranno gli intereventi di Paolo Tiezzi Maestri, Roberto Maini, Pietro Chellini, Giovanni Ciprianni e Fabrizio Govi. Anche in questo caso l'ingresso è libero fino a esaurimento dei posti.



ORSANMICHELE: AL VIA LA STAGIONE CONCERTISTICA

Lo scoso 25 marzo ha preso il via la trentadusesima Stagione concertistica dell'Orchestra da camera fiorentina diretta dal maestro Giuseppe Lanzetta. Da marzo a ottobre, in alcuni degli storici e più prestigiosi luoghi di Firenze, si terranno tredici serate (più otto repliche) all'insegna della bella musica. Il prossimo appuntamento - il 15 e 16 aprile, con inizio sempre alle 21 - sarà al Museo di Orsanmnichele. Per l'occasione l'orchestra sarà diretta da Mario Roncuzzi e al piano ci sarà Elena Nefedova. In programma ci sono musiche di Baggiani, Tchaikowsky, Lanzetta e Mozart. Approfondisci.


Polo e-news