Salve, Polo e-news.
Benvenuto in Polo e-news, la newsletter ufficiale del Polo Museale Fiorentino




A cura
di Marco Ferri
e Marco Fossi



Polo e-news | Numero 11 del 28 giugno 2012

HOME POLO MUSEALE MUSEI DEL POLO MOSTRE IN CORSO

INDIANI A PALAZZO PITTI



Si intitola "La nuova frontiera. Storia e cultura dei nativi d'America dalle collezioni del Gilcrease Museum" ed è l'ultima mostra del programma di "Un anno ad arte 2012" che si apre a Firenze. L'appuntamento è dal 3 luglio al 9 dicembre a Palazzo Pitti (Andito degli Angiolini - Galleria del Costume).  Nel 2012 ricorre il quinto centenario della morte di Amerigo Vespucci, uno degli scopritori del continente americano, e soprattutto colui che gli ha conferito il nome. La Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze vuole ricordare il grande navigatore nato a Firenze nel 1454, con una mostra dedicata alla civiltà del popolo indigeno del Nord America, ed in particolare di quelle terre dove dal Seicento, fino a tutto l’Ottocento, i colonizzatori europei penetrarono nella loro avanzata verso l’occidente. Per la realizzazione di questo ambizioso progetto, la Soprintendenza si è avvalsa della collaborazione del Gilcrease Museum di Tulsa, in Oklahoma, uno dei musei più importanti per la ricchezza di testimonianze storiche del continente nord-americano e per la più grande collezione di manufatti d’arte e artigianato relative alla storia del West americano. L’esposizione fiorentina, che presenterà una scelta dei pezzi più preziosi e significativi del museo americano, si aprirà nell’Andito degli Angiolini con una sezione storica di presentazione delle varie fasi della scoperta dell’America e della sua colonizzazione; attraverso una mappa verranno localizzati gli insediamenti delle maggiori tribù prima e dopo l’esodo dalle loro terre. In questa stessa sezione si toccheranno aspetti come l’organizzazione sociale delle tribù prima della colonizzazione e la successiva contaminazione della cultura indiana con la cultura occidentale; particolare attenzione avranno le testimonianze iconografiche dei primi del Novecento di un grande fotografo ed etnologo statunitense, Edward Curtis, che si dedicò a documentare la civiltà dei nativi ormai a rischio di estinzione. La mostra consentirà finalmente al grande pubblico di apprezzare dal vivo significative testimonianze della civiltà dei nativi d’America, nota al pubblico solo attraverso le fantasiose ricostruzioni della filmografia americana e esclusivo oggetto di studio degli Antropologi culturali.

LE NOVITA' DI TUTELARTE



Da qualche giorno  è attiva la pagina Facebook di TuTelArTe (il concorso di videoanimazione del Polo Museale Fiorentino); ci si accede sia dalla pagina del concorso sul sito web del Polo (a questo link) oppure direttamente attraverso la pagina del social network dedicata al concorso (a questo link). Da segnalare inoltre che il termine per iscriversi al concorso è stato prorogato a venerdì 31 agosto, mentre le opere dovranno essere inviate entro la data di venerdì 7 settembre.Come si ricorderà. il concorso “TuTelArTe” ha come obiettivo la realizzazione di un cortometraggio d’animazione rivolto al giovane pubblico che affronti il se, il come e il perché si visita un museo, del Polo Museale Fiorentino. Giocando con i termini Tu, Te, Tutela e Arte, il titolo del concorso vuole suggerire come le opere conservate nei nostri musei, le architetture, i parchi e i giardini, debbano essere oggetto di rispetto di per sé e in rapporto a noi stessi e agli altri. Il titolo del concorso propone di considerare il patrimonio culturale come una stimolante realtà da avvicinare con curiosità e partecipazione e non come un “prodotto” al quale si guarda in un’ottica di semplice consumo turistico.


PROGETTO EUPLOOS



Una bella novità: è disponbile in rete il servizio che va sotto il nome di Progetto Euploos, catalogo informatico del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi (reperibile a questo link). L'iniziativa si propone di rendere disponibile in rete l'intera raccolta del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi (oltre 150.000 opere tra disegni, incisioni, miniature e fotografie databili dal Trecento ai giorni nostri) attraverso la realizzazione di un catalogo completo su supporto informatico e di favorire in tal modo un ideale dialogo internazionale tra la comunità degli studiosi, ma anche tra quanti desiderano avvicinarsi al mondo della grafica. Il Progetto Euploos si configura anche come un programma di ricerca interdisciplinare, innovativo e costantemente in progress, sia perché coinvolge più discipline connesse con la storia, la storia dell'arte e dell'architettura, sia perché dà luogo a una stretta collaborazione tra storici dell'arte, informatici, specialisti della scansione e acquisizione di immagini, ed altri professionisti ancora, ugualmente specializzati nell’elaborazione di metodi e strumenti di ricerca e di comunicazione in età digitale. 


ACCADEMIA: APERTURE SERALI E VISITE GUIDATE



Durante i mesi di luglio, agosto e settembre, tutti i martedì,  la Galleria dell'Accademia e la mostra "Arte torna arte" prolungheranno straordinariamente  l'orario di apertura fino alle ore 22 (ingresso a pagamento). Tutti i giovedì, durante i mesi di luglio, agosto e settembre la mostra "Arte torna arte" sarà visitabile straordinariamente, con ingresso libero, dalle ore 19 alle 22. Da segnalare anche che in occasione delle aperture straordinarie serali previste il martedì nei mesi di luglio, agosto e settembre, si effettueranno visite guidate gratuite alla mostra Arte torna arte e al Museo degli Strumenti Musicali, con inizio alle ore 19 e alle ore 20.30


GLI UFFIZI IN ABRUZZO



Si intitola "Paesi, pastori e viandanti. Marmi antichi e visioni dipinte dagli Uffizi a Santo Stefano di Sessanio e si svolgerà nel comune della provincia dell'Aquila.  Si rinnova la ‘condivisione di affetti’ tra Firenze e Santo Stefano di Sessanio.  Dal 7 luglio al 30 settembre 2012, una nuova mostra di opere d’arte dalla Galleria degli Uffizi nel borgo abruzzese dedicata ai temi del paesaggio e della pastorizia. La mostra, promossa dagli Uffizi, aspira - come è ormai nell’uso della Galleria - a indirizzare l’attenzione del pubblico verso opere meno celebrate di artisti pur sempre noti e verso creazioni di maestri di minor fama, ma non per questo meno poetici. Sono 29 le opere esposte, provenienti dal patrimonio del museo fiorentino, che andranno a impreziosire la sede municipale e alcuni suggestivi e caratteristici locali distribuiti nel centro storico del borgo – Le Carceri e le Botteghe dell’artigianato domestico, dei decotti e dei fermentati, messi a disposizione dall’Albergo Diffuso Sextantio, – riproponendo una formula itinerante che la scorsa edizione aveva riscosso un ottimo consenso. 


Polo e-news