Salve, Polo e-news.
Benvenuto in Polo e-news, la newsletter ufficiale del Polo Museale Fiorentino




A cura
di Marco Ferri
e Marco Fossi



Polo e-news | Numero 45 del 13 dicembre 2013

HOME POLO MUSEALE MUSEI DEL POLO MOSTRE IN CORSO

UN ANNO AD ARTE 2014

E' stata appena presentata l'edizione 2014 di "UN anno ad arte", il programma delle mostre del Polo Museale Fiorentino. Come scrive il Soprintendente per il Polo Museale Fiorentino, Cristina Acidini, "La vivacità delle ricerche e la qualità dei risultati che si conseguono nei musei del Polo Museale Fiorentino, in un’attività che non conosce soste e che consente lo sviluppo di più progetti espositivi in contemporanea, si manifestano pienamente nel programma espositivo “Firenze 2014 Un anno ad arte”, giunto all’ottava edizione come un gradito e ricorrente appuntamento con i visitatori. E piace credere che i visitatori apprezzino le mostre che ampliano e rinnovano l’offerta museale permanente, visto il trend complessivamente positivo dell’affluenza. Con entusiasmo e con coraggio i partner tradizionali, Ente Cassa di Risparmio di Firenze e Firenze Musei, pur a fronte della generale contrazione delle risorse destinate alla cultura affiancano il Polo museale in un’impresa impegnativa, qual è quella che si preannuncia: organizzare nove mostre nell’arco dell’anno. La stessa fiducia mostrano gli editori dell’ATI concessionaria, Giunti e Sillabe, che mantengono il medesimo alto livello nel pubblicare i cataloghi. Come e più che in passato, la serie delle mostre vede chiamati a sostenere impegni ingenti i massimi musei, le Gallerie degli Uffizi, dell’Accademia e Palatina, ognuno dei quali assumerà gli onori e gli oneri di due mostre. In linea generale, si tratta di mostre che sviluppano ed ampliano temi e vocazioni delle raccolte, valorizzando il patrimonio permanente con opportune integrazioni e accostamenti, all’insegna di una varietà che ad ogni edizione spazia lungo le coordinate della storia e della geografia. L’esordio sarà singolare: una rassegna di opere cartacee - documenti e libri - che in virtù dei prestiti generosamente concessi dai colleghi di archivi e biblioteche di Firenze renderanno visibili picchi altissimi della storia e della cultura, noti agli addetti ai lavori e a pochi altri, evocando nel contempo il nobile fantasma della Biblioteca Palatina in Palazzo Pitti". Per saperne di più clicca qui




NUOVA MOSTRA AL GABINETTO DISEGNI E STAMPE DEGLI UFFIZI



Si inaugura oggi della Sala Edoardo Detti del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi – sotto la direzione di Marzia Faietti e di Giorgio Marini – la mostra “Una novella patria dello spirito. Firenze e gli artisti delle Venezie nel primo Novecento”, che resterà visibile fino al prossimo 9 febbraio 2014. Attingendo alle aree meno note della propria ricca collezione il Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, in collaborazione con la Fondazione Coronini Cronberg di Gorizia e la Soprintendenza di Trieste, ha inteso dar corpo a un progetto che indaga la speciale attrazione esercitata dalla città di Firenze su molti artisti veneti, friulani e giuliani nei primi decenni del Novecento, quando il capoluogo toscano rappresentò per molti aspetti la sintesi più compiuta della cultura italiana, e non solo figurativa e letteraria. Per saoerne di più clicca qui.


UFFIZI: NUOVE SALE DEDICATE AL SEICENTO



Dopo la realizzazione al piano primo dell’ala di Ponente, delle sale cosiddette “blu” delle scuole straniere e di quelle “rosse” della Maniera moderna, con l’odierna apertura delle sei sale cosiddette “gialle” - numerate dal 95 al 100 - dedicate alla pittura fiorentina del Seicento restaurate dell’ala di Levante, unite a quelle dell’infilata affacciate sul cortile della fabbrica vasariana, si completa una parte importante del progetto dei Nuovi Uffizi, che dà il segno del lungo lavoro iniziato dieci anni fa e che nel dicembre del 2011 ha visto una prima e concreta sintesi delle modifiche e adeguamenti intervenuti nel corso degli anni. Con questo nuovo ideale taglio del nastro, viene quindi rispettata la cadenza semestrale che ha visto susseguirsi finora, a partire dal dicembre 2011, le quattro inaugurazioni che hanno segnato l’apertura dell’intero primo piano dell’ala di ponente e la riapertura della Sala della Niobe. Le sei nuove sale sono situate sempre al primo piano, come le cosiddette “sale rosse”, ma nell’ala opposta. Anch’esse sono state utilizzate per più di un secolo come depositi dell’Archivio di Stato, per poi ospitare sporadicamente mostre temporanee. Per saperne di più clicca qui.


CASA MARTELLI PER L'UNICEF



Nel Museo di Casa Martelli, su concessione della Soprintendenza, il Comitato Provinciale Unicef per sabato 14 dicembre organizza una giornata a sostegno del suo progetto "Emergenza Filippine". Mercato di piccolo antiquariato e addobbi natalizi. Visite guidate per grandi e piccini, a cura del Museo e dell'Associazione "Artediffusa" (offerta minima 10 euro, gratuito fino a 12 anni). Tutto il ricavato dell'iniziativa sarà interamente devoluto ad Unicef per aiutare i bambini nelle Filippine. Per saperne di più clicca qui


TANTI APPUNTAMENTI A PALAZZO DAVANZATI



Durante questo fine settimana sono vari gli appuntamenti previsti a Palazzo Davanzati. Sabato 14 dicembre, alle ore 11.30 il Museo di Palazzo Davanzati ospiterà la Conferenza con visita guidata di Marina Carmignani su Merletti e ricami a Palazzo Davanzati. Con biglietto d’ingresso, fino ad esaurimento posti disponibili. Per domenica 15, alle 18, è previsto un concerto. Il Foyer - Gli amici della lirica di Firenzepresentano il Concerto di Natale 2013, realizzato con il contributo dell'Associazione degli Amici dei Musei di Palazzo Davanzati e Casa Martelli. Lo eseguiranno: Miriam Tortora, soprano; Elisabetta Sepe, pianoforte; Coro di voci bianche"ViviLeVoci"; Antonio Bernini, Maestro Accompagnatore del Coro; Viviana Apicella, Direttore del Coro. Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti disponibili. Da segnalare infine che sempre il 15 si conclude la mostra "La castellana di Vergy", selezione di opere della Mostra internazionale di Arte tessile ispirata agli affreschi e agli arredi di Palazzo Davanzati. 



LA "PAZIENZA" DELLA GALLERIA PALATINA

Fino al prossimo 5 gennaio 2014 la Galleria Palatina organizza una mostra incentrata su uno dei più significativi dipinti delle collezioni medicee, lAllegoria della Pazienza, oggi conservata nella Sala di Prometeo, ed appartenuta al cardinale Leopoldo de’ Medici. L’opera, assegnata al Parmigianino negli inventari di Palazzo Pitti, catalogata nelle prime guide del museo sotto il nome di Francesco Salviati, attribuita poi a Girolamo Siciolante da Federico Zeri ed oggi riconosciuta come frutto di collaborazione tra Giorgio Vasari e lo spagnolo Gaspar Becerra, ha una storia collezionistica complessa, che coinvolge alcuni importanti personaggi legati alla corte di Cosimo I e allo stesso Giorgio Vasari. Fu infatti Bernardetto Minerbetti, vescovo di Arezzo e ambasciatore di Cosimo I, nonché fine uomo di lettere, patrono dell’Accademia degli Umidi, a chiedere all’aretino, poco dopo il 1550, un dipinto che rappresentasse in modo nuovo ed emblematico la virtù principale del suo carattere, ovvero l’arte della Pazienza. Vasari accetterà, proponendo al suo committente un’invenzione ispirata alla statuaria antica, arricchita da un raffinato repertorio simbolico allusivo al tempo e alla vita umana. Per saperne di più clicca qui


Polo e-news