Benvenuto
Benvenuto nel sito dal Soprintendente Cristina Acidini

>> Per saperne di più



Vuoi contribuire all diffusione della conoscenza dei tesori d'arte di Firenze?
Metti qui il tuo link

>> Vai alla pagina Sponsor

Domande Frequenti

Biglietti e Prenotazioni

Come acquistare i biglietti?
I biglietti possono essere acquistati direttamente nelle biglietterie dei musei che fanno parte del Polo Museale Fiorentino.
Per alcuni musei è possibile effettuare l’acquisto on-line del biglietto, selezionando sul sito il museo che si desidera visitare e consultando la sezione Informazioni, si possono trovare tutte le informazioni utili per accedere ad ogni museo del Polo Museale Fiorentino.
Oppure è possibile consultare l’apposita sezione Orari dei musei dove sono specificati quali musei offrono l’opzione dell’acquisto on-line del biglietto d’ingresso. Altrimenti telefonare al numero 055 294883.

Come prenotare la visita?
La prenotazione non è obbligatoria ma è consigliata per alcuni dei musei del Polo Museale Fiorentino come la Galleria degli Uffizi e la Galleria dell’Accademia.

Per effettuare la prenotazione telefonare a Firenze Musei al numero 055 294883, oppure prenotare on-line sul sito di Firenze Musei.

Il costo della prenotazione varia a seconda del museo, per informazioni sul prezzo del biglietto e sul costo della prenotazione selezionare il museo che si desidera visitare e consultare la sezione Informazioni.

Chi ha diritto al biglietto gratuito?
Le informazioni su coloro che hanno diritto ad usufruire dell’ingresso gratuito ai musei si trovano cliccando su: Biglietto gratuito.

Qua sotto è riportato il Decreto Ministeriale del 20 Aprile 2006, n.239 (pubblicato nella Gazz. Uff. del 26 Luglio 2006, n.172) che sancisce le norme per l’istituzione del biglietto d’ingresso ai monumenti, musei, gallerie, scavi di antichità, parchi e giardini monumentali:

  • L'articolo 4 del decreto ministeriale 11 dicembre 1997, n. 507, e' sostituito dal seguente: «Art. 4 (Libero ingresso e ingresso gratuito). - 1. E' autorizzato il libero ingresso agli istituti ed ai luoghi della cultura di cui all'articolo 1, comma 1, quando gli introiti derivanti dalla vendita dei titoli di legittimazione siano inferiori alle spese di riscossione, calcolate sulla base dei costi diretti ed indiretti sostenuti dal Ministero nell'anno precedente.
  • Il comitato regionale per i servizi di biglietteria puo' stabilire che agli istituti ed ai luoghi di cui al comma 1 si acceda liberamente in occasione di particolari avvenimenti.
  • E' consentito l'ingresso gratuito:
    • alle guide turistiche dell'Unione europea nell'esercizio della propria attivita' professionale, mediante esibizione di valida licenza rilasciata dalla competente autorita';
    • agli interpreti turistici dell'Unione europea quando occorra la loro opera a fianco della guida, mediante esibizione di valida licenza rilasciata dalla competente autorita';
    • al personale del Ministero;
    • ai membri dell'I.C.O.M. (International Council of Museums);
    • ai cittadini dell'Unione europea che non abbiano compiuto il diciottesimo o che abbiano superato il sessantacinquesimo anno di eta'. I visitatori che abbiano meno di dodici anni debbono essere accompagnati;
    • a gruppi o comitive di studenti delle scuole pubbliche e private dell'Unione europea, accompagnati dai loro insegnanti, previa prenotazione e nel contingente stabilito dal capo dell'istituto;
    • ai docenti ed agli studenti iscritti alle facolta' di architettura, di conservazione dei beni culturali, di scienze della formazione e ai corsi di laurea in lettere o materie letterarie con indirizzo archeologico o storico-artistico delle facolta' di lettere e filosofia, o a facolta' e corsi corrispondenti istituiti negli Stati membri dell'Unione europea. Il biglietto gratuito e' rilasciato agli studenti mediante esibizione del certificato di iscrizione per l'anno accademico in corso;
    • ai docenti ed agli studenti iscritti alle accademie di belle arti o a corrispondenti istituti dell'Unione europea. Il biglietto gratuito e' rilasciato agli studenti mediante esibizione del certificato di iscrizione per l'anno accademico in corso;
    • ai cittadini dell'Unione europea portatori di handicap e ad un loro familiare o ad altro accompagnatore che dimostri la propria appartenenza a servizi di assistenza socio-sanitaria;
    • agli operatori delle associazioni di volontariato che svolgano, in base a convenzioni in essere stipulate con il Ministero ai sensi dell'articolo 112, comma 8, del Codice, attivita' di promozione e diffusione della conoscenza dei beni culturali.
  • Per ragioni di studio o di ricerca, attestate da istituzioni scolastiche o universitarie, da accademie, da istituti di ricerca e di cultura italiani o stranieri nonche' da organi del Ministero, ovvero per particolari e motivate esigenze, i capi degli istituti possono consentire ai soggetti che ne facciano richiesta l'ingresso gratuito per periodi determinati.
  • Per le ragioni e le esigenze di cui al comma 4, i direttori generali competenti per materia possono rilasciare a singoli soggetti tessere di durata annuale di ingresso gratuito a tutti gli istituti ed i luoghi di cui al comma 1, nonche' individuare - previo parere del comitato regionale per i servizi di biglietteria - categorie di soggetti alle quali consentire, per determinati periodi, l'ingresso gratuito ai medesimi luoghi.
  • Per i cittadini dell'Unione europea di eta' compresa tra i diciotto ed i venticinque anni nonche' per i docenti delle scuole statali con incarico a tempo indeterminato, l'importo del biglietto di ingresso e' ridotto della meta'.
  • Ai cittadini di Stati non facenti parte dell'Unione europea, si applicano, a condizione di reciprocita', le disposizioni sull'ingresso gratuito di cui al comma 3, lettera e), e sulle riduzioni di cui al comma 6.

Chi ha diritto alla riduzione sul costo del biglietto?
Le informazioni su coloro che hanno diritto ad usufruire della riduzione sul prezzo del biglietto si trovano cliccando su: Biglietto ridotto.

Lavorare al Polo Museale Fiorentino

Come fare per lavorare al Polo Museale Fiorentino?
Le assunzioni all’interno della Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze, così come in tutte le altre amministrazioni pubbliche, avvengono per Concorso Pubblico regolarmente pubblicato nella Gazzetta Ufficiale. Nel caso specifico il concorso viene bandito dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Per maggiori informazioni si può consultare il sito ufficiale del Ministero alla sezione Concorsi.

Alcuni servizi del Polo Museale Fiorentino sono gestiti da aziende private, in questo caso l’inizio di un rapporto di lavoro prevede modalità diverse da quelle precedentemente elencate.

Come attivare un rapporto di tirocinio o di volontariato?
L'attivazione di un tirocinio formativo e di orientamento viene effettuato, ai sensi dell'Art. 18 della legge 196/97 e del decreto del Ministero del Lavoro n. 142/98, a favore di soggetti che abbiano già assolto l'obbligo scolastico. Il tirocinio può essere attivato solo in presenza di apposite convenzioni tra il soggetto promotore ed il datore di lavoro.

Riguardo poi ad un'attività di volontariato si fa presente che è stato stipulato un protocollo di intesa tra il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e le Associazioni di Volontariato, al fine di integrare i servizi d'istituto di dotazioni organiche coinvolgendo le disponibilità umane presenti sul territorio. E' necessario quindi che l'interessato faccia parte di una associazione di volontariato con la quale la Soprintendenza potrà stipulare una convenzione. Non potranno pertanto essere prese in considerazione le istanze presentate dai singoli interessati, ma soltanto quelle delle Associazioni di volontariato operanti nel settore dei beni culturali.

Informazioni sulle opere d’arte ed il materiale fotografico

Vengono effettuate attribuzioni o stime di opere d'arte private da parte del personale del Polo Museale Fiorentino?
Si avvertono i gentili utenti del sito che i funzionari storici dell'arte della Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze non rispondono a quesiti, specie di natura attribuzionistica e commerciale, relativi ad opere che siano di proprietà privata.

Come si possono avere informazioni a carattere storico artistico sulle opere d’arte del Polo Museale Fiorentino?
Per avere informazioni dettagliate delle opere appartenenti al Polo Museale Fiorentino si può effettuare una ricerca nella sezione del sito denominata Archivi digitali.

La sezione Archivi digitali consta di sei sezioni: gli Inventari delle Opere, il Catalogo delle Opere, l’Archivio fotografico, l’Archivio storico e i Corali di San Marco.

Nel corso del tempo sono stati redatti molti inventari delle opere d’arte possedute dalle gallerie Fiorentine, alcuni di questi inventari sono stati digitalizzati e sono adesso consultabili on-line nella sezione del sito denominata Inventari delle Opere, la consultazione di questi registri offre all’utenza una ricca mole di informazioni sulle opere inventariate.

Il Catalogo delle Opere si basa sulla catalogazione delle opere d’arte effettuata dal Ministero dei Beni Culturali ed i criteri di catalogazione sono diversi da quelli utilizzati nell’Inventario delle Opere. Si consiglia dunque, per ottenere il maggior numero di informazioni possibili sull’opera interessata, di integrare la ricerca sugli Inventari delle Opere con quella sul Catalogo delle Opere.

L’Archivio fotografico mette a disposizione degli utenti una grandissima mole di immagini fotografiche del patrimonio artistico del Polo Museale Fiorentino. Per maggiori informazioni sul materiale fotografico consultare la pagina del sito dedicata al Gabinetto fotografico.

L’Archivio storico permette la consultazione on-line degli indici dei documenti prodotti dalle gallerie museali fiorentine tra il 1739 e il 1940.

Infine, nella sezione denominata I Corali di San Marco, si possono visualizzare e sfogliare le famose miniature del Beato Angelico che sono state esposte nella mostra che ha avuto luogo nel Museo di San Marco tra il dicembre 2007 e il marzo 2008. Adesso, dopo la conclusione della mostra, sono consultabili on-line.

Come reperire immagini fotografiche delle opere d’arte?
Per avere informazioni su come reperire le immagini fotografiche, consultare la pagina del sito dedicata al Gabinetto fotografico.

Per l’utilizzo delle immagini stesse consultare la pagina del sito dedicata all’Ufficio permessi.

Per avere informazioni dettagliate sui termini e le condizioni di utilizzo del materiale presente sul sito si fa riferimento a quanto scritto nella sezione Copyright.

Si possono fare foto o filmati all’interno dei musei?
E’ vietato effettuare riprese fotografiche e filmate dell’interno dei musei senza la necessaria autorizzazione. Riproduzioni, stampe e pubblicazioni specializzate possono essere acquistate negli appositi Bookshop.